;

domenica, giugno 17, 2007

Vivere sopra la media | 17 Giugno 2007 |


Come posso vivere sopra la media?


(Questo studio è stato adattato dall'originale " How can I live above average?" di Rick Warren)
Dio non ci ha creato per vivere una vita mediocre: Noi siamo stati disegnati per vivere sopra la media, noi siamo stati disegnati per l'eccellenza

Ognuno di noi è unico, e non ci può essere nesun altro esattamente uguale a noi.

Chi più, chi meno, oguno di noi non vuole essere "anonimo", trscorrere lo spazio della nostra vita senza che nessuno si accorga che esistia; vogliamo essere conosciuti e "riconosciuti". E' un po' quello che accade quando andiamo a prendere i nostri figli a scuola; se arriviamo quando tutti i bambini sono già fuori, allora vediamo una manina che si alza e una voce che grida "papà (o mamma ), sono quì!"

Il libro di 1° Croanche, al capitolo 4:9-10, ci racconta di un uomo di nome Jabes; i primi nove capitoli di questo libro sono dedicati alle genealogie, con una lista di più di seicento nomi.

Proprio nel bel mezzo di tutti questi nomi Dio sottolinea quello di un uomo, tributandogli un riconoscimento speciale.

Ci sono due soli versetti nella Bibbia circa quest'uomo, tuttavia a lui è tributato un onore molto più grande degli altri seicento: leggiamo insieme:
1Ch 4:9-10 Iabes fu più onorato dei suoi fratelli; sua madre lo aveva chiamato Iabes, perché diceva: "L'ho partorito con dolore". (10) Iabes invocò il Dio d'Israele, dicendo: "Benedicimi, ti prego; allarga i miei confini; sia la tua mano con me e preservami dal male in modo che io non debba soffrire!" E Dio gli concesse quanto aveva chiesto.

Perchè mai Dio avrebbe dovuto distinguere quest'uomo? Cos'ha fatto di così speciale da meritare di essere ricordato e con una menzione d'onore? Cos' ha fatto rispetto agli altri per essere ritenuto da Dio "sopra la media"?

La Bibbia dice che "Jabes fu più onorato dei suoi fratelli"; sua madre lo aveva chiamato così a causa di un parto doloroso Jabes in ebraico significa "doloroso").

L'unica cosa che conosciamo di lui è la sua "strana " preghiera: "Signore, fammi ricco!"... e Dio aveva anche risposto alla quella preghiera! Sembra quasi che il Signore abbia dei "raccomandati" da favorire!

Tuttavia, ci sono almeno tre buoni motivi per cui Dio ha risposto alla preghiera di Jabes, da cui trarre tre validi princi anche per noi.

  1. UNA GRANDE AMBIZIONE

Il primo motivo è che Jabees era un uomo di grandi ambizioni.

Mentre tutti i suoi amici si accontentavano di essere nella media ... di essere "mediocri" (vedete come la parola che deriva da "media" abbia una connotazione assolutamente negativa), a Jabes non bastava.

Egli diceva: "Voglio che Dio mi benedeica, voglio qualcosa di grande, qualcosa che dia alla mia vita un significato"

Non voleva essere "uno dei tanti", ma voleva invece espandersi e crescere.
Egli diceva "Dio, benedicimi e dammi più terreno di mia proprietà" dimostrando sia di avere ambizione a qualcosa di più grande, ma soprattutto il desiderio di ricevere da Dio la benedizione.

Molte persone "scivolano" semplicemente attraversando la loro vita, senza obiettivi, piani, scopi ed abizioni; ed il risultato è che non combinano un gran che nella vita. Si accontentano semplicemente di "esistere"

Il primo principio per vivere sopra la media è il bisogno di traguardi ambiziosi.

Ti serve un sogno; se non hai un sogno per la tua vita semplicemente ci stai scivolando attraverso.

Quando smetti di inseguire quel sogno, la tua vita non ha più una direzione dove proseguire.
Quando smetti di inseguire dei traguardi, la tua crescita come individuo si ferma.

Tu DEVI avere qualcosa verso cui ambire, un traguardo di eccellenza; questo ti fa crescere, allarga i tuoi orizzonti, ti rende un essere umano con delle sane emozioni.

Dio vuole che tu cresca, anche e soprattutto attraverso un sogno, una meta da raggiungere.

Dio ha uno scopo per la tua vita, e la chiave del tuo successo è quella di scoprire quello scopo e di cooperare per raggiungerlo.

Dio non vuole che tu viva una vita in cui fai cose con mezzo cuore, senza sapere se quello che fai è giusto o sbagliato. Una vita senza sfide e senza traguardi è semplicemente una vita noiosa.

Di norma ci sono tre fraintendimenti che ci impediscono dall'avere grandi ambizioni.

  • Il primo fraintendimento è che noi spesso confondiamo la paura con l'umiltà;

Tendiamo a dire: "Oh, non sono capace di fare quella cosa" e così pensiamo di essere stati umili. Ma questa non è umiltà, qieta è paura, questa è una mancanza di fede.

Una persona realmente umile direbbe: "Con l'aiuto di Dio, posso farcela. Con la benedizione di Dio, lo farò. Probabilmente non sono capace di farla da solo, ma con l'aiuto del mio Dio, la farò." Questa è vera umiltà.

  • Il secondo fraintendimento è che tendiamo a confondere la pigrizia con l'essere appagati..

E' pur vero che Paolo ha detto in Filippesi :11 Non lo dico perché mi trovi nel bisogno, poiché io ho imparato ad accontentarmi dello stato in cui mi trovo." ma non per questo non dovremmo porci alcun traguardo.

Paolo non sta dicendo "Ho imparato a non avere alcun traguardo, e non ho alcuna ambizione o desiderio per il futuro", ma sta dicendo che, anche se i suoi traguardi possono non essere ancora stati raggiunti, egli ha imparato a goderre ogni giorno nella maniere più piena.

Egli sta dicendo :"Oggi sono felice anche se ho sogni ed ambizioni che non sono ancora stati raggiunti".

  • Il terzo fraintendimento è che confondiamo il pensare in piccolo con l'essere spirituali:

Spesso le persone dicono: "Io servo Dio in quel piccolo e in quel poco che so fare".

A chi dice questo, la risposta adeguata è : "Bene, perchè allora non provi a servirLo imparando più cose e più grandi? Lascia che Dio ti possa usare di più!"

Altre persone dicono :"Sai, io sono fatto così. E' Dio che mi ha fatto così.! "

Credere che non possiamo cambiare o che Dio non ci abbia messo a disposizione gli strumenti per cambiare è' assolutamente sbagliato

---

Ritorniamo a vedere la figura di Jabes ed a cogliere i suoi segreti.

Se il primo buon motivo che Dio aveva per rispondere alla preghiera era che Jabes aveva una grande ambizione, il secondo è:

  1. UNA FEDE CHE CRESCE

Il secondo principio per vivere sopra la mediocrità è che hai bisogno di una fede che cresce

Jabes non solo aveva una grande ambizione, ma aveva una fede che cresceva ogni giorno; credeva fermamente in Dio ed aveva fiducia in lui; aveva abbastanza fede per pregare e per aspettare la risposta alla sua preghiera.

La Bibbia ci da alcuni fatti interessanti circa Jabes.

Per prima cosa, non fa alcuna menzione sul fatto che egli avesse qualche talento o dono speciale. Non ci dice neppure che era benestante o istruito; era semplicemente un uomo comune con una fede fuori dal comune.

Non ti devi preoccupare di ciò che non hai se tu hai fede in Dio. Egli ti darà la potenza necessaria.

Il Signore ama usare gente comune che crede in lui e che ha voglia di fidarsi di lui per vederli riuscire.

La Fede di Jabes ha fatto si che lui credesse che Dio lo avrebbe aiutato nei suoi traguardi e nei suoi sogni.

C'è qualcosa di più importatnte di essere talentuosi, o abili, o istruiti; è l'avere fede.

E' il credere che Dio opererà attraverso di te. Ed è normale incontrare persone supertalentuose che stanno in panchina a riposarsi mentre in campo persone assolutamente normali ma che hanno fede segnalo i gol della vittoria.

Essi credono in Dio, e Lui li può usare. Proprio come Jabes, essi sono persone comuni con una fede fuori dal comune.

Un secondo fatto su Jabes è che probabilmente aveva qualche sorta di handicap o di disabilità; nella lingua ebraica Jabes singnifica "doloroso".

Vi sarebbe piacuto essere stati chiamati "doloroso" o "dolorosa"?

"Oh, ecco che arriva Doloroso!" "Invitamo anche Dolorosa lalla festa?"

Jabes aveva fatto così male a sua madre nascendo, che ne aveva derivato il nome; è anche probabile che fosse un figlio non desiderato e non amato.

Il suo nome gli rammentava che persino la sua nascita aveva provocato sconforto alla vita di qualcun altro, sua madre.

Ma Jabes era più forte del suo handicap; la sua fede lo sosteneva.

Dimenticandosi delle esperienze dolorose del passato, egli aveva la fede di guardare avanti provando grandi cose per il futuro.
Quale è il tuo handicap? E' fisico?, E' spirituale?, E' un'infanzia infelice? E' un lavoro frustrante o un matrimonio distrutto?

Qualsiasi cosa sia Dio ti dice: Ogni cosa è possibile per chi crede"(Mr9:23).

Jabez aveva una grande ambizione ed una fede crescente, ma questo non bastava; egli sapenva anche fare una cosa che Dio apprezza.

  1. PREGARE CON SINCERITA'

Il terzo segreto nella vita di Jabes è la sua vita di preghiera. Ed è grazie alla sua semplice preghiera che si è meritato una menzione speciale nella Bibbia.

Molte persone pregano senza mai sollevarsi sopra la media; forse qualche volta anche io e te esitiamo nel chiedere alcune cose in preghiera, forse perchè pensiamo che quella richiesta è troppo egoista.

A quali tipo di preghiere riponde Dio? La vita di Jabes illuistra tre aspetti di come possiamo chiedere a Dio aspettandoci di essere esauditi.

  • La prima cosa per cui ha pregato Jabes era la potenza di Dio nella sua vita.

Egli ha pregato per una potenza più grande della sua per raggiungere i suoi traguardi.

Egli ha pregato dicendo: "Io voglio che tu mi benedica, io voglio la tua potenza nella mia vita."

E' importante notare che la richiesta di Jabes era assolutamente specifica: " Dio, questo è quello che voglio fare: io voglio ingrandire il mio territorio, voglio più pascoli, voglio più fabbricati."

Preghi tu per i tuoi traguardi?

Chiedi a Dio di aiutarti laddove la tua vita ti sta dirigendo?.

Ad un primo sguardo la preghiera di Jabes sembra molto egoistica, vero? Egli ha pregato: "Dio, io voglio che tu faccia tutte queste cose per me."Ma, evidentemente, Dio approvava la preghiera, poiché l'a esaudita.

Questo è il punto; l'ambizione non è né buona né cattiva, è semplicemente una spinta basilare della vita. Ciascuno ha una qualche ambizione,piccola o grande che sia.

Cosa è allora che rende l'ambizione buona o cattiva?

Una sola cosa: la motivazione che sta dietro di essa.; e la motivazione di Jsabes era genuina, poiché Dio non onora mai una richiesta indegna.

Pensa a questo: Dio desidera che tu gli faccia grandi richieste.

Cosa chiedi quando preghi? Dio ci incoraggia a chiedere: Giacomo afferma " voi avete, perché non domandate " (Gc 4:2): Il Signore disse a Geremia: Jer 33:3 "Invocami, e io ti risponderò, ti annunzierò cose grandi e impenetrabili che tu non conosci".

Paolo dice che : Eph 3:20 Or a colui che può, mediante la potenza che opera in noi, fare infinitamente di più di quel che domandiamo o pensiamo"

Questo significa che è impossibile chiedere a Dio qualcosa che sia troppo grande per lui; se spingiamo la nostra immaginazione al massimo immaginando qualcosa di assolutamente impossibile, Dio può superare persino quello.

Pensate a quello che chiese Giosuè:

Jos 10:12-13 Allora Giosuè parlò al SIGNORE, il giorno che il SIGNORE diede gli Amorei in mano ai figli d'Israele, e disse in presenza d'Israele: "Sole, fermati su Gabaon, e tu, luna, sulla valle d'Aialon!" (13) E il sole si fermò, e la luna rimase al suo posto, finché la nazione si fu vendicata dei suoi nemici. Questo non sta forse scritto nel libro del Giusto? E il sole si fermò in mezzo al cielo e non si affrettò a tramontare per quasi un giorno intero.

Dio può andare aldilà della tua immaginazione: Egli dice: "Fidati. Chiedimi. Scopri la tua grande ambizione. Provvedi una fede crescente. E dunque porta tutto a me in preghiera, perchè io desidero esaudirti."

Cosa vuoi che Dio faccia nella tua vita? Aiutarti al lavoro? Chiediglielo! Guidarti ad educare tuo figlio? Chiedi! Far crescere la tua chiesa? "Chiedi! Liberarti da un peccato ricorrente? Chiedi!

Dio non è come un grosso polizziotto che aspetta tu faccia un solo errore per dati un pugno in piena faccia. Dio vuole benedire la tua vita.

  • La seconda cosa per cui ha pregato Jabes era la presenza di Dio nella sua vita; sia la tua mano con me .

Jabes aveva capito che se avesse avuto più terre, avrebbe avuto maggiori responsabilità: Avrebbe avuto maggiori richieste e maggiore pressione, e che avrebbae avuto la necessità dell'aiuto di Dio nella sua vita; per questo ha chiesto a Dio di essere con lui.

Se tu chiedi a Dio di essere più presente nella tua vita, puoi star certo che sarai esaudito.


  • La terza cosa per cui ha pregato Jabes era la protezione di Dio nella sua vita; preservami dal male in modo che io non debba soffrire!"

Jabes ha chiesto la protezione di Dio. Perchè l'ha fatto? Perchè a quei tempi più terre avevi, più influente eri, e più conosciuto eri. Ed eri anche un bersaglio più importante per i nemici dentro e fuori Israele.

E' lo stesso ai giorni d'oggi; più hai successo, più sei criticato. Più territorio hai, più vieni attaccato. Più sei vicino al Signore, più Satana ti tenta, perchè non vuole la tua crescita.

Ma, così come Jabes, puoi star certo che con la protezione di Dio non devi temere niente e nessuno.

In Conclusione: vuoi vivere una vita mediocre o una vita sopra le media?

Vuoi scivolare lungo la tua esistenza, o vuoi che essa lasci un segno?

Se vuoi questo, usa i segreti che Jabes possedeva.

  1. Una grande ambizione
  2. Una fede che cresce
  3. Un pregare sincero

Così che un giorno si possa scrivere di te quello che è stato scritto per Jabes.

E Dio gli concesse quanto aveva chiesto.
Share:

0 commenti:

Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo per aprire il file audio

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite
iTunes iscrivendosi al podcast.
Per tutte le opzioni di ascolto cliccare qua sotto.

Come ascoltare i messaggi

Ricerca semplice nel sito



In evidenza: "Colui che ti guarisce"

Cliccando sui titoli qui sotto potrete accedere direttamente ai messaggi della serie attualmente in corso in chiesa


1. Dio è Colui che guarisce
2. La compassione che guarisce
3. Guarigione Divina VS Sapienza senza potenza
4. Come guarisce Gesù?

Tutti i messaggi per data

Cerchi una chiesa Evangelica?

La nostra chiesa è connessa a

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...
Fallo anche tu!
_________________________

English Version

La mia foto
Montefiascone, VT, Italy
Via Delio Ricci, snc - Tel. 347/9740488 - email: laveravite@gmail.com

Labels

 
Leggi le informazioni sull'uso dei cookies