PER ASCOLTARE L'AUDIO DEI MESSAGGI CLICCA SUI LORO TITOLI

04 luglio 2021

La Teologia della Gioia - Filippesi 1 | 4 Luglio 2021 |

Siamo l'opera d'arte di Dio, amati da Dio, salvati da Dio attraverso Cristo: viviamo per questo una vita nella gioia.
---

Predicatrice: Jean Guest
CLICCA SUL TITOLO PER ASCOLTARE IL MESSAGGIO
Tempo di lettura: 9 minuti
Tempo di ascolto audio/visione video: 33 minuti

È un piacere e un privilegio condividere di nuovo con voi e oggi stiamo iniziando una nuova serie sulla lettera ai Filippesi e, naturalmente, sto iniziando con il capitolo 1.

Vi leggo un profilo di una persona su Twitter:

"Un'anima appagata con una passione per i libri, il teatro e la musica: appassionata  circa: il cricket, organizzatrice di comunità, eternamente curiosa, amante di Gesù."

Chissà se sai a chi appartiene dalla descrizione? Certo, è il mio! Cosa mi ha tradito? Forse il cricket? Penso che se Paolo avesse un profilo Twitter sceglierebbe: qualcosa del genere

Paolo, un servo of Cristo Gesù. Grazia e pace a voi

Vedete, a parte Romani, Paolo inizia ogni sua lettera con quelle parole. È il lavoro della sua vita servire Gesù e la chiesa e impartire su di essa la benedizione della grazia e della pace.

Grazia è la parola greca charo e la parola standard sarebbe chairien, 'saluti', ma Paolo usa una sottile variazione charis, grazia. La grazia, l'amore incondizionato e sconfinato che Dio ha per chi non lo merita. 

Grazia e pace a te. 

Pace è la parola greca eiríni e letteralmente significa "ogni tipo di bene". C'è un uso nel Nuovo Testamento di esso al futuro, ma ogni altro uso nel Nuovo Testamento è al presente. "Ogni tipo di bene" qui e ora. Grazia e pace a te.

Preghiamo: Padre, oggi vogliamo riposare nella benedizione della tua grazia e della tua pace. Abita questo spazio con la tua Parola e attraverso tuo Figlio. Chiediamo al tuo Spirito di confermare in noi tutto ciò che vuoi che ascoltiamo. Amen.

Grazia e pace a te. 

Ciò che è ancora più notevole del saluto usato per i Filippesi è che Paolo al momento della scrittura era in prigione.

Paolo fu imprigionato più volte, una volta a Efeso, una volta a Cesarea e due volte a Roma. Se sta scrivendo da Efeso questo fa datare la lettera all'inizio degli anni 50 dopo Cristo, se a Cesarea è alla fine degli anni 50 e se da Roma allora sono i primi anni 60. A questo punto non è molto importante,  ciò che importa è conoscere la natura e il carattere di questa giovane chiesa. La chiesa di Filippi fu la prima ad essere fondata nell'Europa continentale da Paolo e vediamo la narrazione di ciò in Atti 16.

Paolo, mentre si trova a Troas nel suo secondo viaggio missionario, ha la visione di un uomo che gli chiede di venire in Macedonia. Lui e Sila si recano a Filippi e in cerca di ebrei credenti trovano Lidia e altre donne che pregano vicino al fiume fuori città. Paolo predica loro e Lidia diventa cristiana. E sì, lo dirò: 'Che meraviglia che il primo convertito europeo ad essere battezzato fosse una donna e che la chiesa in Europa abbia visto anche donne coinvolte nella fondazione.

La stessa Filippi era una città importante e ricca fondata da Filippo di Macedonia (padre di Alessandro Magno) sui ricchi giacimenti d'oro che dovevano essere estratti lì. Era su una rotta commerciale chiave e un'importante colonia romana. È un ottimo posto per iniziare una chiesa - con così tanti di passaggio, da qui il Vangelo si diffonderà.

Gli indizi che abbiamo sulla natura della chiesa provengono principalmente dal tono della lettera. Di solito quando Paolo scrive a una chiesa è perché lo hanno fatto arrabbiare, o sono arrivati ​​a credere a qualcosa di sbagliato - come i Galati, gli Efesini o i Corinzi; ma con i cristiani di Filippi Paolo scrive a persone che ama e con cui desidera ardentemente stare e di cui è orgoglioso. È un rapporto particolarmente personale e questo conferisce alla lettera il suo carattere.

La chiesa di Filippi ha saputo che Paolo è in prigione e così gli ha inviato Epafròdito con un dono: è una comunità generosa e premurosa, ma è stata scossa dalla prigionia di Paolo.

“Ora ho ricevuto ogni cosa e sono nell’abbondanza. Sono ricolmo di beni, avendo ricevuto da Epafròdito quello che mi avete mandato e che è un profumo di odore soave, un sacrificio accetto e gradito a Dio.” (Filippesi 4:18)

Così Paolo scrive loro con gratitudine per la loro generosità e anche per ricordare loro chi sono in Cristo e che Lui solo è la loro sicurezza. I temi della lettera sono la gioia, l'unità e la centralità di Cristo .

Ma oggi nel capitolo 1 ci occupiamo della Teologia della Gioia. Ci sono 15 riferimenti alla gioia in Filippesi, ma Paolo non sta parlando di felicità, la parola che usa per gioia ha la stessa radice di quella che usa per grazia. La gioia cristiana è conoscere la sorgente della grazia e della pace. Come qualcuno ha detto su Internet, la gioia è:

“ uno stato d'animo e un orientamento del cuore. È uno stato stabile di contentezza, fiducia e speranza”.

Le mie scuse a quel "qualcuno"; non ho preso nota del suo nome e non sono riuscita a trovarlo di nuovo.

Quindi, come ci alleniamo ad abitare in modo naturale e manifestare gioia? Ci sono tre modi indica come Paolo fondamentali.

1. Un'opera d'arte di Dio

Paolo parla nel capitolo 1 di “Un'opera di Dio per tutto il popolo santo di Dio."

 Mi chiedo se come me ti preoccupi di parlare della chiesa come di persone sante? Ammettiamolo, se sei come me, o io sono in qualcosa simile a te, allora spesso la santità non è come ci descriveremmo: probabilmente ci definiremmo abituati a criticare, arrabbiati, egoisti,  litigiosi... ma santi?

Ma la santità non è uguale alla perfezione, non è nemmeno uguale all'essere buoni. Sì, certo, prendiamo sul serio il bisogno di essere riconosciuti per il nostro amore verso gli altri, dal nostro manifestare il frutto dello Spirito e, come ci ha ricordato Marco la scorsa settimana, dal modo in cui viaggiamo in questo mondo essendo l'aroma di Cristo. 

Queste caratteristiche non vengono dal nostro tentativo di essere buoni, vengono perché chiediamo allo Spirito di aiutarci e di cambiarci, e anche attraverso la disciplina del discepolato. Ma anche tutto questo non ci renderà un popolo santo perché garantisco che nel tentativo falliremo: siamo umani e gli umani sono fallibili. Lo dice il teologo Rowan Williams:

"Un essere umano è santo non perché trionfa con la forza di volontà sul caos e sulla colpa e conduce una vita impeccabile, ma perché quella sua vita mostra la vittoria della fedeltà di Dio in mezzo al disordine e all'imperfezione". 

Grazia e pace a te. 

La nostra identità poggia sull'amore incondizionato e sconfinato che Dio ha per coloro che non lo meritano e ai quali elargisce ogni genere di bene.

La buona notizia è che riconosciamo che le nostre identità sono cantieri con lavori in corso:

“E ho questa fiducia: che colui che ha cominciato in voi un’opera buona la condurrà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù.” (Filippesi 1:6)

Non solo Dio è all'opera attraverso di noi, ma in noi, sia collettivamente che individualmente, e la promessa è che ci sarà completamento. Qui, ma in particolare in Efesini 2, quando Paolo parla di noi che siamo opera di Dio, la parola che usa è poema.. In te e in me Dio sta creando un'opera d'arte.

Grazia e pace a te. 

2. Amati da Dio

Ho detto prima che Paolo ama questa giovane chiesa e lo possiamo vedere dal modo in cui si rivolge a loro e dal rapporto che ha con loro.

v.3 Io ringrazio il mio Dio di tutto il ricordo che ho di voi

v.7 Ed è giusto che io senta così di tutti voi, perché io vi ho nel cuore

v. 12  Desidero che voi sappiate, miei cari (ND) 

Di tutti i versetti di questo capitolo, penso che questi siano forse i più impegnativi. Quanti di noi possono onestamente dire che ringraziamo Dio per la nostra famiglia di chiesa, e con questo non intendo solo di questa dove siamo, ma in tutta la chiesa. Chiamiamo "amati" i nostri fratelli e sorelle? Li teniamo nel nostro cuore? O siamo più come quelli menzionati nei versetti 15 e 17 che predicano Cristo, ma senza amore? Nicky Gumble, il fondatore del Corso Alpha, dice questo:

“Sono stato sfidato da Dio di smettere di chiedere dei miei compagni cristiani: 'Cosa hanno che non va?' e iniziare a chiedere: 'Cosa hanno che devo imparare?'”

È davvero importante  per noi che alcuni abbiano tradizioni o enfasi diverse? Paolo afferma:

“Che importa? Comunque sia, con ipocrisia o con sincerità, Cristo è annunciato; di questo mi rallegro, e mi rallegrerò ancora” (Filippesi 1:18)

Cosa è meglio: essere corretti o amare?

Mi piace come la a Bibbia inglese “The Message” traduce i versetti 9-10

“Quindi questa è la mia preghiera: che il tuo amore fiorisca e che non solo amerai molto, ma bene.”

Certamente la radice e la fonte di questo amore è Gesù. In questi 30 versetti del capitolo 1, Paolo fa riferimento a Cristo 20 volte. Una vita inquadrata nella conoscenza di tutto ciò che Cristo ha fatto per noi ci spinge verso l'esterno, proprio come i Filippesi fanno:“Condividiamo il Vangelo”; non possiamo farne a meno: sappiamo cosa significa essere amati e vogliamo che lo sappiate anche voi.” Un cuore grato è un cuore generoso.

Grazia e pace a te.

3. Salvati da Dio

Infine, la terza chiave per una teologia della gioia è la speranza, perché siamo salvati da Dio.

“...di questo mi rallegro, e mi rallegrerò ancora; so infatti che ciò tornerà a mia salvezza, mediante le vostre suppliche e l’assistenza dello Spirito di Gesù Cristo, secondo la mia viva attesa e la mia speranza di non aver da vergognarmi di nulla; ma che con ogni franchezza, ora come sempre, Cristo sarà glorificato nel mio corpo, sia con la vita, sia con la morte. Infatti per me il vivere è Cristo e il morire guadagno.” (Filippesi 1:18b-21)

Le preghiere dei fedeli e la provvidenza dello Spirito gli danno speranza. Che notevole testimonianza dell'autorità di questa giovane chiesa, le loro preghiere portano speranza.

Attraverso di loro Paolo ha speranza a breve termine per la liberazione e anche per la forza per affrontare i suoi persecutori. A lungo termine la sua speranza è sicura in Gesù. Paolo non perde mai di vista l'immagine eterna: “Perché per me vivere è Cristo e morire è guadagno.”

La vita è bella, vuole continuare a vivere, vuole rivedere i suoi amici per incoraggiarli e condividere ancora una volta con loro l'opera evangelica. Ma se così non fosse, allora c'è qualcosa di ancora meglio ed è che lui sarà con Cristo.

In conclusione voglio condividere il messaggio finale del Rev Joel Edwards, un titano della chiesa nel Regno Unito che è morto questa settimana.

---

Cari amici

Vi scrivo questo per darvi un ultimo addio. Innanzitutto, i miei più smisurati ringraziamenti per le vostre
preghiere, il vostro amore e per avermi tenuto stretto a quel miracolo con le unghie.

Le parole non possono esprimere  la profondità, l'ampiezza e l'altezza  della mia gratitudine, ma sono tornato a casa.

La mia fervida preghiera è che la vostra fede  e tenacia nei miei confronti non sia considerata  un inutile esercizio religioso, ma che abbia  rafforzato la vostra fede in un Dio  che è meraviglioso, misterioso e maestoso  in tutto ciò che fa: Colui che è Fedele.

Vi raccomando la mia famiglia.  So che veglierete su di loro nei mesi  e negli anni a venire.

E vi affido a Dio e alla parola della sua grazia che può edificarci e darci un’ eredità tra coloro che sono stati salvati.

Vi aspetto per accogliervi...

---

Joel in questo suo ultimo messaggio prima di tornare a casa ha riassunto il capitolo 1 di Filippesi; ma la cosa più notevole è  che ogni leader di qualsiasi denominazione della chiesa di Cristo, sapendo della notizia della sua morte hanno affermato quale gioia fosse stata lavorare con Joel.

La chiesa unita, messe da parte le differenze, incarna la teologia della gioia; un'opera d'arte di Dio, amata da Dio, salvata da Dio.

Grazia e pace a te. 

Amen.

GUARDA LE DIAPOSITIVE DEL MESSAGGIO

GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO IN BASSA RISOLUZIONE SU FACEBOOK

GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO IN BASSA RISOLUZIONE SU INSTAGRAM

---

GUARDA IL VIDEO DEL MESSAGGIO IN HD



Share:

0 commenti:

Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo per aprire il file audio

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite
iTunes iscrivendosi al podcast.
Per tutte le opzioni di ascolto cliccare qua sotto.

Come ascoltare i messaggi

Ricerca frase nel sito



In evidenza: "Riconciliarsi attraverso il perdono"

Cliccando sui titoli qui sotto potrete accedere direttamente ai messaggi della serie attualmente in corso in chiesa.


1. Perché dovrei perdonare?

In evidenza: "Sperimentare Dio nel quotidiano"

Cliccando sui titoli qui sotto potrete accedere direttamente ai messaggi della serie attualmente in corso in chiesa.


1. L'Ospitalità
2. Sale e Luce
3. Come faccio a sapere?

Una tazza di caffè col Padre

Una tazza di caffè col Padre
Cinque minuti per ascoltare e parlare con Lui

Tutti i messaggi per data

Cerchi una chiesa Evangelica?

La nostra chiesa è connessa a

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...
Fallo anche tu!
_________________________

English Version

La mia foto
Montefiascone, VT, Italy
Via Delio Ricci, 10/12 ------------Tel: +39 3515163510 ------------ WhatsApp: 3515163510 ---------------------------- email: laveravite@gmail.com

Labels

 
Leggi le informazioni sull'uso dei cookies