;

sabato, maggio 21, 2011

Come Dio trasforma la vita: distruggere per ristrutturare. Il profeta Sofonia | 21 Maggio 2011 |

Il messaggio di un Dio "distruttore" non ci piace; vorremmo immaginare il nostro Signore eternamente col sorriso sulle labbra... ma l'ira di Dio è una realtà che non possiamo nascondere a noi stessi. Ma la distruzione di Dio ha sempre un piano: ed il piano di Dio è per il bene di coloro che lo conoscono e lo seguono. Il piano di Dio è di distruggere il vecchio uomo per poterlo trasformare nel nuovo uomo. E questa ristrutturazione" è stata resa possibile dalla più grande "distruzione" mai avvenuta: quella di Cristo sul Golgota.
---

Pochi di noi hanno mai riflettuto sul significato di essere italiani che vivono a cento km. da Roma

- viviamo circondati da luoghi che traspirano la storia del mondo
- chi abita a Roma o vi si reca per lavoro usa ormai il Colosseo come ”chicane” nel traffico caotico
- per anni abbiamo maledetto l’ufficio postale romano alla Valle del Baccano,che ci imponeva file interminabili perché la strada si stringeva per via degli scavi, prima che spendessero milioni di vecchie lire per la variante
- ma pensiamo ai giorni in cui queste strade erano percorse da legionari e da carovane che portavano le ricchezze di tutto il mondo, confluendo nella capitale di uno degli imperi più ricchi, forti, lunghi e grandi che il mondo abbia mai visto
- eppure oggi non c’è più
- la gloria dei sette colli romani, fino a un paio di secoli fa erano distese di rovine e vigneti e oggi sono dominio di gatti randagi e turisti asiatici

Perché una nazione muore? Perché la Magna Grecia non è più? Cos’ha causato, veramente, il declino dell’impero Egiziano? Qual’ é stato il motivo della recente sconfitta del apparentemente invincibile asse tra la Germania e l’Italia?

La nostra è un’era di eccessivo individualismo

- siamo portati a pensare al presente e alle nostre storie personali, avendo poco interesse nel passato e nella storia generale
- anche il rapporto con Dio è vissuto in modo estremamente personale
- il mio Dio, la mia salvezza, la mia santificazione, le mie preghiere per me e i miei...
- ciò non è errato: Dio vuole un rapporto personale con te

Ma Dio è anche “il Dio delle nazioni”

- emerge con prepotenza nei libri profetici della Bibbia
- Dio tratta, non solo con individui, ma con una nazione intera: Israele
- poi con due Israele, Giuda
e con tutte le nazioni: Assiria, Moab, Filisitia, Tiro... (oggi sarebbero Sud Africa, Stati Uniti, Germania, Serbia...)

Il nostro testo di oggi è il profeta Sofonia

- Israele è già distrutta e non esiste più
- la spada di Damocle ora pende sul capo della nazione Giuda
- regno di Giosia
- il re che riuscì a “rimandare” la distruzione di Giuda
- Giosia: che biografia!
- sale al trono a 8 anni, a 16 inizia a cercare Dio, a 20 inizia a purificare il paese dalla sua idolatria, a 26 inizia a restaurare il tempio, abbandonato e caduto in rovina, ritrova il libro della legge e celebra la pasqua
- a 39 muore in battaglia, e con lui muore la speranza della nazione
- seguono altri 4 re in circa 23 anni, ma è un rapido declino fino alla distruzione totale
- durante il regno di Giosia Dio manda un profeta: Sofonia
- sembra che era una uomo di discendenza reale, e quindi un aristocratico
a lui, in un epoca di apparente ripresa, Dio affida un cupo messaggio

Proposito: scoprire i motivi che causano la morte di una nazione e imparare qualcosa di più sul carattere di Dio

1. Dio è anche un distruttore

"Io distruggerò ogni cosa dalla faccia della terra", dice il SIGNORE. "Distruggerò uomini e bestie; distruggerò gli uccelli del cielo e i pesci del mare, gli intoppi assieme agli empi, ed eliminerò gli uomini dalla faccia della terra", dice il SIGNORE. Stenderò la mano su Giuda e su tutti gli abitanti di Gerusalemme; eliminerò da questo luogo quanto rimane di Baal, il nome dei preti degli idoli, con i sacerdoti, quelli che si prostrano sui tetti davanti all'esercito celeste, quelli che si prostrano e giurano per il SIGNORE, e poi giurano anche per Malcam..". ( Sofonia 1:2-5)

- è un Dio che non t'aspetti, duro, spietato,
- non ci piace questo attributo, ma è rivelato così
- che ci piaccia o meno, è la realtà dei fatti
- Dio distrugge la terra con un diluvio, Dio distrugge Sodoma e Gomorra, Dio distrugge i primogeniti d’Egitto, Dio distrugge la generazione incredula di ebrei nel deserto, un giorno distruggerà questo pianeta sul quale viviamo
- Essendo Dio, la sua azione distruttrice è perfetta (come sarà questa distruzione)?

Né il loro argento né il loro oro potrà liberarli nel giorno dell'ira del SIGNORE; ma tutto il paese sarà divorato dal fuoco della sua gelosia; poiché egli farà una distruzione improvvisa e totale di tutti gli abitanti del paese".(Sofonia 1:18)

a. Senza possibilità di difesa
b. Improvvisa
c. Totale

Dio distrugge a motivo del peccato

a. Possibili motivi perché Dio distrugge
- lo fa per piacere?
- (ill) come un bambino che butta giù la torre di balocchi
- lo fa per svago?
- non ha nulla da fare, ha creato ciò che c’era da creare, ora distrugge?
- lo fa per dimostrare il suo potere?
- è il suo modo di dire: “Qui comando io”?
- (ill) picchia tua moglie, tu non lo sai ma lei si!
- lo fa per sbaglio?
- come un grande essere potente che non riesce a controllare le sue forze?
- (ill) gli cadono le saette dalle mani?
- lo fa perché è irascibile?
- gli “salta la mosca al naso”?
- basta un nonnulla per farlo andare su tutte le furie?
- assolutamente no: Dio non è affatto così

Il vero motivo per cui Dio distrugge è il peccato

Io metterò gli uomini nell'angoscia ed essi brancoleranno come ciechi, perché hanno peccato contro il SIGNORE; il loro sangue sarà sparso come polvere e la loro carne come escrementi.(Sofonia 1:17)

- Dio ha distrutto la terra con il diluvio per via del peccato - lungo, orribile e spudorato - di tutta la razza umana
- ha distrutto Sodoma e Gomorra per le loro nauseanti perversioni
- distruggerà la terra quando essa si troverà sotto il regno demoniaco dell’anticristo, ubriacato dal sangue dei martiri e dal vino delle fornicazioni di Babilonia la grande

c. (ill) E’ come buttare fuori l’immondizia
- non si conserva, puzza
- va solo che buttata e distrutta
- il peccato rende l’uomo immondizia, e Dio lo butta... butta il peccato, ma cerca l'uomo da salvare

d. Qui in Sofonia vengono elencati alcuni dei peccati che trasformano in immondizia una nazione

“I suoi capi, in mezzo a lei, sono leoni ruggenti; i suoi giudici sono lupi della sera, che non serbano nulla per la mattina. I suoi profeti sono arroganti, perfidi; i suoi sacerdoti profanano le cose sante, infrangono la legge. (Sofonia 3:3-4)

1) La ribellione contro Dio
- non si ascolta la voce di Dio, non ci si avvicina a Dio
- si seguono altre divinità, si prega a dei minori, si profanano le cose sante
- si perde il senso del sacro, si dice “Il Signore non fa né bene né male”


2) La contaminazione del proprio corpo

In quel tempo io frugherò Gerusalemme con le torce e punirò gli uomini che, adagiati sulle loro fecce, dicono in cuor loro: "Il SIGNORE non fa né bene né male". (Sofonia 1:12)

- contaminato con pratiche sessuali illecite, con l’adulterio rampante, la fornicazione casuale, la prostituzione maschile e femminile comune e di moda
- contaminato con un calo etico dove il valore della vita è perso, e la legge sancisce l’aborto, l’eutanasia e la clonazione genetica di esseri umani

3) I soprusi contro il prossimo
- i capi sono leoni ruggenti (3:3)
- ruggiscono per farsi grandi ma non svolgono il loro dovere di punire i malfattori e proteggere i deboli
- i giudici sono lupi della sera (3:3)
- la giustizia nel paese è in mano a lupi che vagano alla ricerca di preda e bottino
- inaffidabili e corrotti
- anche chi rappresenta la religione è perfido
- i mercanti sono carichi di danaro

Quel giorno punirò tutti quelli che saltano la soglia, che riempiono di violenza e di frode le case dei loro padroni". "Quel giorno", dice il SIGNORE, "si alzerà un grido dalla Porta dei Pesci, un urlo dal quartiere nuovo, e un gran fracasso dalle colline. Urlate, abitanti del Mortaio, perché tutti i mercanti sono spazzati via, tutti quelli che erano carichi di denaro sono sterminati. (Sofonia 1:9-11)

- gli esattori de ricchi padroni saltano la soglia per entrare in casa dei poveri e, con violenza e con frode, ne portano fuori altre ricchezze ai ricchi
- la forbice ricchi/poveri si allarga sempre più e nessuno fa nulla
- (app) Dio non è indifferente a tutto ciò
- egli tiene il conto e a un certo punto dice “Basta!”
- per anni, decenni, secoli, nulla sembra mutare.... ma poi si oltrepassa un certo limite e il Dio distruttore si muove

f. (App) Dove si colloca la nostra cultura occidentale di inizio millennio?
- per qualche motivo ci riteniamo invincibili
- abbiamo un buon esercito, una buona economia, governi mediocri ma presenti, stiamo parte del G8, una coalizione dei più potenti del mondo...
- cosa mai potrebbe smuoverci?
- Dio può distruggere questa e qualsiasi altra nazione e se lo fa sarà:
- senza possibilità difesa
- improvvisa
- totale

Quando avviene?
- già ai tempi di Pietro gli schernitori dicevano:

"Dov'è la promessa della sua venuta? Perché dal giorno in cui i padri si sono addormentati, tutte le cose continuano come dal principio della creazione?” Ma costoro dimenticano volontariamente che nel passato, per effetto della parola di Dio, esistettero dei cieli e una terra tratta dall'acqua e sussistente in mezzo all'acqua; e che, per queste stesse cause, il mondo di allora, sommerso dall'acqua, perì; mentre i cieli e la terra attuali sono conservati dalla medesima parola, riservati al fuoco per il giorno del giudizio e della perdizione degli empi. (2 Pietro 3:4-7)

- “Tutto rimane uguale, non sta cambiando nulla! Figuriamoci se il vostro Dio interviene!”
- Pietro ci fa capire che la storia non è ciclica, né lineare ma cataclismica
- lo illustra con il diluvio: all’improvviso cambia tutto in modo stravolgente
- Sofonia parla del giorno del Signore

"Il gran giorno del SIGNORE è vicino; è vicino e viene in gran fretta; si sente venire il giorno del SIGNORE e il più valoroso grida amaramente. Quel giorno è un giorno d'ira, un giorno di sventura e d'angoscia, un giorno di rovina e di desolazione, un giorno di tenebre e caligine, un giorno di nuvole e di fitta oscurità, (Sofonia 1:14-15)

- c'è un “giorno” è ripetuto 24 volte in Sofonia
- è il giorno in cui Dio agisce
- tollera, tollera, tollera ... poi agisce!
- c’è stato un giorno del Signore per Israele, per Giuda, per Babilonia, per l’Impero Romano, per l’Impero Britannico...
- ci sarà, alla fine della storia, un Grande Giorno del Signore, l’ultimo e definitivo
- leggete come viene descritto in Apocalisse

3 Dio distrugge il peccato per trasformare chi lo ama

- la distruzione ha in se un progetto di trasformazione
- è come quando si ristruttura una casa: si demolisce per ricostruire in meglio
- l'immondizia si "ricicla" per dar vita a nuove cose che siano utili

Allora io trasformerò le labbra dei popoli in labbra pure, affinché tutti invochino il nome del SIGNORE, per servirlo di comune accordo (Sofonia 3:9)

1. Il giorno del Signore non è solo distruzione

- potremo disperare
- facciamo parte di una civilizzazione che ha molte delle caratteristiche per attirare su di se una giorno di resa dei conti
- una distruzione improvvisa e fatale potrebbe abbattersi da un momento all’altro
- cosa possiamo fare?
- dobbiamo pregare, dobbiamo mettere pressione dove possiamo su chi guida la nostra nazione, forse alcuni saranno chiamati ad entrare “dentro” una carriera politica
- dobbiamo adoperarci per essere una "luce su un portalampada" testimoniando e facendo crescere la nostra chiesa e altre chiese locali simili a questa
- ma alla fine, il nostro destino è legato a quello della nostra civilizzazione

2. Una certezza: non tutti verranno distrutti
a. Coloro che conoscono Dio e lo seguono verranno messi al sicuro

Cercate il SIGNORE, voi tutti umili della terra, che mettete in pratica i suoi precetti! Cercate la giustizia, cercate l'umiltà! Forse sarete messi al sicuro nel giorno dell'ira del SIGNORE (Sofonia 2:3)

- Dio inizierà a “cercare” chi “mettere da parte...indovinate un po' da dove? Dalla sua casa!

Infatti è giunto il tempo in cui il giudizio deve cominciare dalla casa di Dio; e se comincia prima da noi, quale sarà la fine di quelli che non ubbidiscono al vangelo di Dio? (1 Pietro 4:17)

- come fare ad essere messi al sicuro?
- occorre rientrare in noi stessi e andare contro corrente
- occorre cercare il Signore con un cuore umile
- occorre mettere in pratica i suoi precetti
- occorre cercare la giustizia e l’umiltà
- (app) che tipo di cittadino sei? Cosa ti distingue dagli altri?
- non sempre ti “conviene”, ma ti mette al riparo

b. C’è un futuro
- la distruzione non è la fine
- la storia del mondo inizia con la creazione, e finisce con la creazione
- “Io trasformerò”
- dopo che il polverone di distruzione è passato, Dio trasformerà, riciclerà, raccoglierà, salverà e renderà gloriosi gli umili che sono entrati nel patto con lui
- in quel giorno ci sarà un nuovo cielo ed una nuova terra, poiché il primo cielo e la prima terra saranno scomparsi
- la distruzione finale di cui parla Apocalisse è terribile, ma la trasformazione è fantastica
- farai tu parte di questo futuro?

Conclusione

1. Siamo sottomessi ad un Dio distruttore
- questo fatto ci deve mettere in una posizione di giusto timore davanti a Lui
- ma prima che ci sentiamo troppo lontani e vittime di questo Dio, ricordiamo:
- la distruzione più totale e atroce è avvenuta sul Golgota, dove Dio ha distrutto suo figlio
- ha distrutto Gesù sulla croce perché egli, l’agnello purissimo, aveva preso su di se tutto il peccato di tutta l’umanità - è stata la più grande distruzione
- (app) Gesù è diventato immondizia per noi e Dio lo ha “buttato”

2. Il nostro Dio è un trasformatore
- ma ha fatto questo affinché ti possa trasformare in una nuova creatura
- pensaci, prima che trascuri troppo il tuo cammino cristiano:
- Dio ha buttato e distrutto suo figlio affinché tu potessi essere una nuova creatura
- io e te siamo il risultato di Dio che si è rimesso a creare e ciò che è successo a noi un giorno si allargherà alla storia di tutto il pianeta che vedrà la distruzione affinché possano essere creati nuovi cieli e nuova terra dove abiti la giustizia
- ma il prezzo di ciò che siamo è stata la distruzione di Gesù
-”per ciò, dal canto nostro mettiamo ogni premura” nel tramutare in realtà sin d’ora il progetto divino
Share:

0 commenti:

Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo per aprire il file audio

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite
iTunes iscrivendosi al podcast.
Per tutte le opzioni di ascolto cliccare qua sotto.

Come ascoltare i messaggi

Ricerca frase nel sito



In evidenza: "Affrontare la tempesta"

Cliccando sui titoli qui sotto potrete accedere direttamente ai messaggi della serie attualmente in corso in chiesa


1. Un megafono nella tempesta
2. Una piccola fede per affrontare la tempesta
3. Un grande amore per affrontare la tempesta
4. Uno sguardo fisso su Gesù per affrontare la tempesta

Una tazza di caffè col Padre

Una tazza di caffè col Padre
Cinque minuti per ascoltare e parlare con Lui

Tutti i messaggi per data

Cerchi una chiesa Evangelica?

La nostra chiesa è connessa a

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...
Fallo anche tu!
_________________________

English Version

La mia foto
Montefiascone, VT, Italy
Via Delio Ricci, snc - Tel. 347/9740488 - email: laveravite@gmail.com

Labels

 
Leggi le informazioni sull'uso dei cookies