;

domenica, aprile 24, 2011

Il patto che mi rende puro agli occhi di Dio: la Pasqua di Cristo | 24 Aprile 2011 |


Perché Gesù è dovuto scendere a morire? Che necessità c'era? Perché è dovuto scendere Gesù a firmare un nuovo patto?

Se Gesù non fosse sceso, se il suo sacrificio non avesse coperto i nostri errori, n0n non avremmo potuto arrivare a Dio, e saremmo stati per sempre separati da un velo che ci impediva di guardarlo negli occhi.

La Pasqua ci rammenta il patto che Gesù ha pagato per mezzo della sua vita pur di farci guardare il nostro Creatore negli occhi.

Ci rammenta che “l'amore copre ogni colpa. (Proverbi 10:12b).
---

Perché è dovuto scendere Gesù a firmare un nuovo patto?

“Dio creò l'uomo a sua immagine; lo creò a immagine di Dio; li creò maschio e femmina. Dio li benedisse". (Genesi 1:27-28a)

Dio ci ha creati per essere il nostro migliore amico. Ci ha creati un po' come lui, perché potessimo vedere il mondo e la creazione con i suoi occhi. Per questo firma un patto con noi per poterci continuare a benedire

I patti che l'uomo ha rotto

  • Adamo ed Eva (Il frutto proibito)
  • Noè (La Torre di Babele)
  • Abramo (Sodoma e Gomorra)
  • Mosè (Il Vitello d'Oro)
  • Davide (Bat Sheba)

La conseguenza del tradire i patti

Era la separazione da Dio. Nell'AT questa separazione era rappresentata fisicamente dal velo del tempo.

“quel velo sarà per voi la separazione del luogo santo dal santissimo.” (Esodo 26:33)

Chi aveva costruito quel velo?

  • Dio?
“Imparate a fare il bene, cercate la giustizia, soccorrete l'oppresso, rendete giustizia all'orfano, difendete la causa della vedova. Venite quindi e discutiamo assieme, dice l'Eterno, anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve; anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. Se siete disposti a ubbidire, mangerete le cose migliori del paese” (Isaia 1:17-19 ND)
  • Io!
“Voi eravate spiritualmente morti, a causa dei peccati che avevate commesso... Del resto, noi tutti eravamo proprio come loro e facevamo tutte quelle brutte cose che le nostre passioni e i nostri cattivi pensieri ci suggerivano. Quindi, per natura, meritavamo la stessa condanna da parte di Dio, esattamente come tutti gli altri.” (Efesini 2:1-3 PV)
Io ero la causa della separazione tra me e Dio avendo disobbedito alle “istruzioni per l'uso” (es. bombola di lacca – può esplodere se usata impropriamente). Dio aveva posto una “cortina” tra lui e me. Ricordate la “cortina di ferro”? Quella era intesa per dividere il mondo. Questa cortina non era intesa per danneggiarmi, ma per proteggermi! Non avrei potuto sopravvivere alla sua presenza io, con tutte le mie mancanze, disobbedienze, egoismi, ire, davanti a colui che è Santissimo!

Se io avessi incontrato Dio faccia a faccia, con tutto il mio carico di azioni non giuste ai suoi occhi, Egli non avrebbe potuto che giudicarmi per le mie azioni: “perché il salario del peccato è la morte” (Romani 6:23)

Dio aveva allora scelto di porre un “filtro” tra me e lui: un solo uomo (il Sommo Sacerdote) con cui avere rapporto direttamente. E anche il Sommo Sacerdote “rischiava” (era legato con una corda al piede quando entrava). Ciò che il Sommo Sacerdote faceva era “sacrificare” i migliori animali sull'altare e spargere il loro sangue.

2 funzioni del sacrificio:

  1. ricordare al popolo che la vera ricchezza non è nell'avere beni, ma nell'avere un rapporto con Dio. Il sacrificio “umiliava” la voglia innata dell'uomo di fare affidamento sulle proprie forze e ricchezze, ricordandogli che esse non erano a motivo della bravura individuale, ma delle benedizioni del Padre;
  2. prefigurare un altro tipo di altare dove sarebbe stato sparso il sangue di un innocente per lavare i peccati dei colpevoli.
La necessità di un nuovo patto

Nonostante la mia infedeltà verso i suoi patti, nonostante le mie azioni fossero tutt'altro che giuste ai suoi occhi, Dio continuava ad amarmi, con l'amore che solo un padre che abbiamo tradito sa avere. La parabola del Figliol Prodigo esprime bene quel tipo di amore: “suo padre lo vide e ne ebbe compassione: corse, gli si gettò al collo, lo baciò e ribaciò... era perduto ed è stato ritrovato” (Luca 15:20, 32)

Egli continuava a progettare la mia salvezza, il mio perdono. Continuava a sognare del giorno in cui, io e Lui avremmo potuto guardarci di nuovo, faccia a faccia, come avevamo fatto nel Giardino dell'Eden.

"Ecco, i giorni vengono", dice il SIGNORE, "in cui io farò un nuovo patto con la casa d'Israele e con la casa di Giuda... io metterò la mia legge nell'intimo loro, la scriverò sul loro cuore, e io sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo.” (Geremia 31:31-33)

Un patto che non è gratis

Chi avrebbe potuto, se nessuno mai era stato capace di essere fedele ai patti di Dio? “Tutti si sono sviati, tutti sono corrotti, non c'è nessuno che faccia il bene, neppure uno. (Salmo 53:3)

Non era necessario un nuovo patto fatto di nuove parole; i termini non erano mutati: “poiché io ti comando oggi di amare il SIGNORE, il tuo Dio, di camminare nelle sue vie, di osservare i suoi comandamenti, le sue leggi e le sue prescrizioni, affinché tu viva e ti moltiplichi, e il SIGNORE, il tuo Dio, ti benedica“Deuteronomio 30:6

Ciò che serviva era un uomo nuovo, che avrebbe saputo essere obbediente sino in fondo.
Un uomo in cui Dio avrebbe punito, lui Santissimo, una volta e per sempre, tutti i miei errori, tutti i miei sbagli, tutti i miei egoismi, tutto ciò che Dio chiama “peccato” (etim. = “mancare il bersaglio”). Un uomo obbediente a Dio, disposto a morire pur di restituirmi agli occhi, alle braccia, all'amore completo di mio padre.

“Ecco l'uomo”

Dio non avrebbe mai potuto trovare un uomo capace di questo. Avrebbe dovuto Egli stesso provvederne uno, avrebbe dovuto decidere Lui di scendere, e Lui firmare il patto che l'uomo non era capace di firmare “benché fosse chiaramente Dio, non si fece forte dei suoi diritti divini. Anzi, rinunciò a tutto, assumendo l'aspetto di uno schiavo e, diventato uomo, abbasso sé stesso e ubbidì fino a morire sulla croce come un criminale. ”(Filippesi 2:7-8 PV)

Ciò che non è possibile all'uomo, è possibile a Dio!

E' per questo che Gesù è dovuto scendere, diventare uomo, morire e risorgere!

"Adesso la mia anima è turbata. Che dovrei dire: "Padre, salvami da quest'ora"? Ma è per questo momento che sono venuto!” (Giovanni 12:27 PV)

Gesù era pienamente uomo, con il suo carico di paure, ma era pienamente Dio, ed aveva progettato da tempo la mia salvezza. Gesù è sceso perché Dio potesse guardarmi dritto negli occhi, ed invece di vedere me e la mia disobbedienza, potesse vedere Suo figlio.

“Era ormai mezzogiorno e le tenebre avvolsero tutto il paese fino alle tre del pomeriggio. Il sole si oscurò e il grosso velo del tempio si squarcio in due.” (Luca 23:44-45) “Dopo che Gesù ebbe preso (l'aceto), disse: "Tutto è compiuto", chinò il capo e rese lo spirito.” (Giovanni 19:30)

(Togli il velo)

“l'amore copre ogni colpa. (Proverbi 10:12b)

Tutto è compiuto (etim: telheo = era quello che dicevano i commercianti :è pagato).
Non serve più nulla "Beati quelli le cui iniquità sono perdonate e i cui peccati sono coperti. (Romani 4:7)

Gli effetti del sacrificio di Cristo

  • Io e te possiamo guardare di nuovo Dio negli occhi
Da ora in poi, ogni volta che Egli guarderà in noi non vedrà i nostri errori, ma il volto di suo Figlio.
Tutto questo ha avuto un prezzo, ma quel prezzo è stato pagato.“Per questo Cristo è il mediatore di un nuovo patto, affinché quelli che sono chiamati da Dio possano ricevere la eredità eterna che Dio ha loro promesso. Infatti, la morte di Cristo libera gli uomini dalla punizione dei peccati commessi mentre dipendevano ancora dal vecchio patto.”(Ebrei 9:15 PV)

Tu sei l'erede. Devi solo accettare l'amore di Gesù che copre le tue trasgressioni.

Come posso accettare l'amore di Gesù?

“Gesù gli disse: "Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno può venire al Padre, se non per mezzo di me.”

Il velo è stato strappato, il sangue di Gesù copre le mie e le tue disobbedienze, il debito è stato pagato.

3 azioni da compiere

  1. Accetta quel sacrificio irripetibile.
  2. Cammina nelle Via che Gesù ha mostrato
  3. Ascolta gli insegnamenti che sono contenuti nella Sua Parola.
Share:

0 commenti:

Per ascoltare l'audio dei messaggi
cliccare sul titolo per aprire il file audio

Per una migliore resa audio raccomandiamo di scaricare i messaggi tramite
iTunes iscrivendosi al podcast.
Per tutte le opzioni di ascolto cliccare qua sotto.

Come ascoltare i messaggi

Ricerca semplice nel sito



In evidenza: "Colui che ti guarisce"

Cliccando sui titoli qui sotto potrete accedere direttamente ai messaggi della serie attualmente in corso in chiesa


1. Dio è Colui che guarisce
2. La compassione che guarisce
3. Guarigione Divina VS Sapienza senza potenza
4. Come guarisce Gesù?

Tutti i messaggi per data

Cerchi una chiesa Evangelica?

La nostra chiesa è connessa a

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...

Anche noi abbiamo adottato dei bambini a distanza tramite...
Fallo anche tu!
_________________________

English Version

La mia foto
Montefiascone, VT, Italy
Via Delio Ricci, snc - Tel. 347/9740488 - email: laveravite@gmail.com

Labels

 
Leggi le informazioni sull'uso dei cookies